A parte le luci…ma cos’è il Natale? Di Don Gianni Toni

Se ci guardiamo intorno è da più di un mese che è arrivato il Natale delle luci e delle vetrine, dei pacchetti regalo con fiocchi rossi e della finta neve che riempie le vetrine!
E tanta gente si è messa in cammino, tra una rata e l’altra dell’IMU, alla ricerca di qualcosa di scontato da poter riempire i giorni di festa.
Quando si pensa al Natale si pensa ad una festa che sa di famiglia, di gente serena e con la pace nel cuore.
Oggi la gente è in cammino ma alla ricerca di un lavoro che diventa senpre più raro, della famiglia che difficilmente arriva a festeggiare le nozze d’argento, di continue liti ed uccisioni che riempiono i telegiornali e non lasciano trasparire un cielo sereno!
A noi cristiani spetta quindi di far riscoprire il senso vero del Natale, cercando di testimoniare quei valori che non vanno più di “moda”: stare insieme, volersi bene, donare fraternità.
E per fare questo non servono le strade piene di luci o le vetrine vestite a festa con i barboni accartocciati vicino a loro, occorre avere il coraggio di spiegare la parola Natale: si, Natale di Gesù.
Solo con questo bambino Figlio di Dio si capisce il bandolo della nostra esistenza, il sapore delle cose semplici, il piacere della collaborazione.
E con questo piacere troveremo allora la forza per collaborare con tutti: con colui che abita sul nostro pianerottolo, con il collega che tenta di farci le scarpe, con il politico che promette mari e monti!
Ma a tutti facendoci riconoscere come seguaci di quel bambino nato a Betlemme 2012 anno fà.
Come fare tutto?

Semplice: impegnandoci a rendere visibile lo stupore della nostra libertà interiore attraverso la tenerezza della preghiera che cambia i cuori.
Solo questo è Natale, tutto il resto è solo pubblicità di un dolce chiamato
“panettone ” che puoi mangiare quando vuoi!

Questa voce è stata pubblicata in News dalla Sezione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.